Consumo in bolletta dell’elettricità autunno 2022: l’allarme del Codacons

digraziablog
Print Friendly, PDF & Email


Il quadro delineato dall’associazione per la tutela dei diritti dei consumatori è critico e preoccupante.

Gli ultimi mesi del 2022 comporteranno un costo medio di 700€ in più, rispetto al 2021, per le famiglie italiane, con inflazione dilagante e un aumento del carrello medio della spesa già arrivato al 10%.

Per quanto riguarda l’utilizzo degli elettrodomestici, ecco quali sono i consumi stimati:

frigorifero, 5,16€ al giorno
lavatrice, 1,40€ a ciclo
lavastoviglie, 1,38€ a ciclo
asciugacapelli, 1,26€ ogni 30 minuti
forno, 1,60€ all’ora
condizionatore, 12€ per 8 ore di funzionamento.


Tra il serio e il faceto di chi propone addirittura di cucinare la pasta senza gas, lasciandola “ammollo” nella pentola, vediamo qui di seguito quali sono i piccoli accorgimenti quotidiani che non costano nulla ma ci permettono di abbattere di qualche euro al mese, il costo del funzionamento di un elettrodomestico ormai diventato di lusso: il frigorifero.


Frigorifero: quale scegliere per ridurre il consumo in bolletta e come posizionarlo
Iniziamo con la scelta dell’elettrodomestico. Chi utilizza un modello davvero obsoleto e ha la possibilità di cambiarlo, sicuramente trarrà molti vantaggi da questo sacrificio. La classe energetica di un elettrodomestico è molto importante, ai fini del risparmio nel medio e lungo periodo.

La scelta va ponderata e finalizzata, dati alla mano. Un frigorifero di classe A consuma meno di 300 kWh all’anno, contro i 780 kWh di un frigo in classe G. Questo si traduce in un risparmio del 50% sulla bolletta da pagare, a cui si aggiunge un ulteriore 25%, se il frigo è di classe A+ e A++.

Se proprio ciò non fosse possibile, allora è il caso di rimettere in funzione un frigorifero più piccolo magari relegato in garage. Il consumo dipende anche dalle dimensioni dell’elettrodomestico, infatti.

Anche la posizione scelta per sistemare l’elettrodomestico in cucina può influire sul suo consumo. Infatti, il frigorifero deve sempre trovarsi a distanza da fonti di calore (come il termosifone d’inverno ma anche una finestra esposta al caldo sole estivo) e avere sempre la giusta ventilazione della serpentina (almeno 10 centimetri di distanza dal muro).

Infine, un freezer pieno di ghiaccio è quanto di più dispendioso possa esserci per il consumo inutile di energia elettrica, ai fini del suo raffreddamento. 

Next Post

Una storia per riflettere

Un padre ha detto alla figlia “Ti sei laureata con lode, ecco la macchina che ho comprato tanti anni fa. È un po’ più vecchia adesso, ma prima che te la dia, portala al parcheggio di auto usate in centro e dì loro che vuoi venderla e vedere quanto ti […]
AlbanianArabicBulgarianChinese (Simplified)DanishEnglishEsperantoFrenchGreekItalianJapaneseLatinPortugueseRussianSpanishTurkishUkrainian
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.