UN DEBITO PER I VOSTRI FIGLI.

digraziablog
Print Friendly, PDF & Email

Avete fatto il cappottino nuovo alla vostra casa?

E andate persino fieri del fatto che grazie al bonus 110% non solo, avete speso niente, ma risparimerete un sacco di soldi in bolletta (voglio proprio andare a leggere). Beh, BRAVI, avete rovinato in maniera permanente il vostro edificio, riducendolo una raccolta di umidità (e acqua) tra muro esterno e pannelli di polistirene (scarto derivato dalla lavorazione del petrolio, materia prima in mano alla multinazionale americana 3M).

Più o meno come mettersi un sacchetto della spesa in testa.

Provate a respirare! Ah si, certamente non entra il freddo, forse non entra il caldo (parliamone), ma di sicuro quello che producete dentro casa: docce, cucina, panni stesi, il semplice sudare e respirare di notte, rimarrà tutto dentro casa.

La quale, dubito sia tinteggiata e intonacata alla calce (se lo fosse non usereste tanta violenza ai vostri muri esterni).

Quindi a traspirabilità già eravate scarsini, ora siete a zero.

Quel che è dentro, sta dentro. Umidità di risalita inclusa.

Poi forse vi sfugge, ma siete giustificati perchè non fate il mio mestiere, ma quei pannelli, chiamati polistirene espanso (espanso con un gas), quando avranno esaurito la loro tenuta o durata del gas che li rende leggeri e apparentemente traspiranti, sarà nociva come oggi vengono classificati alcuni materiali come le guaine bituminose, il cartongesso, le resine e tanti bei materiali che, guarda caso, le discariche/stazioni ecologiche, non accettano più.

L’amianto/eternit in tempi non lontani era il materiale del futuro, dimenticate?

Quindi sappiate che tra “tot” anni, appena lor signori dovranno vendere altro (tipo elettrico al posto della benzina), anche i vostri cappotti dovranno essere smaltiti come l’eternit oggi.

Obbligatorio. Sempre che chi li ha montati oggi si sia ricordato di risanare prima i muri, eliminare le parti cedevoli di pittura e di intonaco (altrimenti a cosa si attaccano?), ripristinare il livello, dare un primer, un rasante di presa, applicare a regolari “patacche” della colla specifica i pannelli e assicurarli con cura con funghi a battere o tasselli particolari e verificarne la tenuta uno ad uno.

Poi rasante, rete, ancora rasante, tonachino colorato a finire.

Ai prezzi che vedo in giro dubito, quindi auguratevi anche che resti attaccato.

Fonte dalla rete

Next Post

Vucchella mia……

Vocca, ca ciento e ciento vote all’ oraaggio vasata, e nun me stanco mai,vocca, ca tanto bene e male faia chisto core affatturato ‘a te;**vocca cchiù bella ‘e na jurnata ‘aprilee cchiù addurosa ‘e na campagna ‘e rose,àprete sempe pe me di’ doi cose:ca me vuò bene e m’ ‘o […]
AlbanianArabicBulgarianChinese (Simplified)DanishEnglishEsperantoFrenchGreekItalianJapaneseLatinPortugueseRussianSpanishTurkishUkrainian
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.