UE-Cina-Russia: nuove e migliori relazioni sono possibili? – L’Analisi de l’AntiDiplomatico –

digraziablog
Print Friendly, PDF & Email

L’economia è il punto chiave. Come evidenzia il politologo Danilo Della Valle, già candidato alle elezioni europee con il Movimento 5 Stelle: “Se la Ue dovesse ragionare senza paletti politici ed ideologici, dovrebbe lavorare ulteriormente all’avvicinamento a Cina e Russia se non altro per convenienza economica.



La Cina è un Paese che dopo aver lavorato solo per l’export sta ora sviluppando un mercato interno e con la Via della Seta si pone come importante volano per le economie di tutta la rotta.

La Russia è un Paese ricco di risorse e dipendente dall’Europa, e viceversa. Questo la Francia lo ha fatto capire nella questione del Nagorno Karabakh e la Germania sul caso Navalny ha chiarito che non sarebbe felice di interrompere i lavori per il North Stream. Ma staremo a vedere, dipende molto dagli Usa”.



L’insediamento alla Casa Bianca del democratico Joe Biden ha portato a una nuova aggressività degli Stati Uniti verso la Russia.

Gli attacchi alla Cina continuano sulla stessa falsariga precedente. L’Unione Europea segue a ruota libera senza più remore visto che a Washington non c’è più il ‘cattivo’ Trump. Fino a dove si spingerà l’Occidente nell’attacco alle potenze eurasiatiche?

“Sicuramente la politica estera statunitense avrà ulteriori sviluppi nei confronti della Russia, sebbene io non creda molto nella narrazione secondo cui Trump sia stato un “filorusso”, e lo si può vedere dalle espulsioni dell’amministrazione Trump ai danni di diversi diplomatici russi durante il suo mandato. Riavvolgendo il nastro e pensando alla politica estera di Trump non posso non ricordare le parole di Mike Pompeo secondo cui gli Usa hanno tre nemici “la Russia, l’Iran e il Partito Comunista Cinese”.

Anche durante l’amministrazione Trump molti analisti pensavano il Presidente Usa potesse adottare una sorta di dottrina Kissinger al contrario, attirando la Russia al campo Occidentale in chiave anti-cinese. E invece non è andata così, un po’ per volere della Russia, sicuramente, ma al contempo per la russofobia latente della società statunitense.



Oggi gli Usa cercheranno però di ricostruirsi una credibilità in Europa, visto che il periodo Trump li ha allontanati dalla Ue facendogli fare passi indietro nel campo della diplomazia e del soft power. Non so fino a che punto si spingerà, credo che però l’amministrazione Biden dovrà da un lato affrontare la guerra alla Cina alla quale Trump ha dato un’accelerata, in continuità con l’inizio decretato nell’era Obama, e dall’altro affrontare la questione europea dove avranno probabilmente bisogno di agitare il pericolo russo”, afferma Della Valle.

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-uecinarussia_nuove_e_migliori_relazioni_sono_possibili/5871_39959/

Next Post

Traffico illecito rifiuti, 11 misure cautelari in Piemonte

ANSA.itMarch 02, 2021 (ANSA) – CUNEO, 02 MAR – Fanghi di impianti civili e industriali e altri rifiuti, anche con plastica e mercurio, sparsi illegalmente come se fossero “compost di qualità” su oltre 40 ettari di campi – che sono stati sequestrati – nelle province di Cuneo, Asti e Torino. […]
AlbanianArabicBulgarianChinese (Simplified)DanishEnglishEsperantoFrenchGreekItalianJapaneseLatinPortugueseRussianSpanishTurkishUkrainian
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.