Improvvisano un corteo e bruciano le mascherine in piazza per protesta: identificate 24 persone

digraziablog
Print Friendly, PDF & Email

Fanpage.itFebruary 21, 2021

Hanno dato fuoco a delle mascherine e improvvisato un corteo nel quale urlavano slogan negazionisti: è successo a Milano in piazza XXV Aprile dove, nella giornata di ieri sabato 20 febbraio, la polizia ha proceduto con l’identificazione di 24 persone che hanno partecipato a una manifestazione “no mask” organizzata dal movimento ReOpen.

I partecipanti danno fuoco alle mascherine in piazza

L’appuntamento era previsto per le tre di pomeriggio. In piazza si sono ritrovati alcune persone sprovviste di mascherine: sul posto è quindi giunta la polizia che ha invitato i partecipanti a indossare immediatamente i dispositivi e mantenere le distanze di sicurezza come previsto dalle disposizioni in materia di Covid. Richiesta a cui però sarebbe stato risposto – stando a quanto riportato dalla Questura di via Fatebenefratelli – con la decisione di dar fuoco ad alcune mascherine. L’associazione ReOpen sostiene però che nulla del genere sia mai accaduto.

Il corteo in Corso Como e l’identificazione di 24 persone

Subito dopo comunque è stato improvvisato un corteo lungo Corso Como. Stando a quanto riportato dal giornale MilanoToday, i partecipanti urlavano slogan in cui incitavano alla libertà e a togliere le mascherine. La polizia è così intervenuta e ha proceduto con l’identificazione di ventiquattro persone. Sei di loro, arrivate fino alla Biblioteca degli Alberi, sono stati anche multati e dovranno pagare una sanzione di quattrocento euro. Per gli altri 18 invece si procederà con la sanzione in un secondo momento considerato che non è stata potuta fare per motivi di opportunità e ordine pubblico.

Next Post

Casa di riposto abusiva sequestrata, ospiti malnutriti

ANSA.itFebruary 22, 2021 (ANSA) – CATANZARO, 22 FEB – Una casa alloggio trasformata abusivamente in una casa di riposto per anziani è stata sequestrata dai carabinieri dei Nas su disposizione della Procura di Reggio Calabria che ha anche notificato tre avvisi di garanzia nei confronti del legale rappresentante della cooperativa […]
AlbanianArabicBulgarianChinese (Simplified)DanishEnglishEsperantoFrenchGreekItalianJapaneseLatinPortugueseRussianSpanishTurkishUkrainian
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.