C’era Maradona e c’era Diego.

digraziablog
Print Friendly, PDF & Email

“C’era Maradona e c’era Diego. Maradona è quello che tutto il mondo conosce e mai dimenticherà. Ho fatto in modo che mio figlio sapesse tutto di lui, anche se è nato dopo che aveva smesso. E so che mio figlio, quando diventerà padre, non lascerà che i suoi figli smettano di sapere chi era Maradona. È quello che ha fatto mio padre con me con Di Stefano. Non l’ho mai visto giocare, ma mio padre si è assicurato che sapessi tutto di lui. Per la mia generazione è stato quello che tutti sanno.
Ma poi esiste Diego, la persona. E mi manca tanto. Mi dispiace non aver passato più tempo con lui. La sua famiglia, i suoi grandi amici, sono stati dei privilegiati ad aver passato tanto tempo con lui e averlo conosciuto bene. Aveva un cuore immenso. Io l’ho conosciuto abbastanza.
Quando vincevo non mi chiamava mai: troppo facile chiamare quando si vince. È nelle mie grandi sconfitte che ho sempre ricevuto una sua telefonata, mai dopo le vittorie, mai. Perché uno diverso come lui sa che è nei momenti difficili che c’è veramente bisogno di aiuto.
Mi mancherà tanto. Sono triste, ma sorrido. Perché è proprio così, sorridendo, che ho trascorso tutti i momenti con lui”.

[José Mourinho]

@romanzo_calcistico

“C’era Maradona e c’era Diego. Maradona è quello che tutto il mondo conosce e mai dimenticherà. Ho fatto in modo che mio figlio sapesse tutto di lui, anche se è nato dopo che aveva smesso. E so che mio figlio, quando diventerà padre, non lascerà che i suoi figli smettano di sapere chi era Maradona. È quello che ha fatto mio padre con me con Di Stefano. Non l’ho mai visto giocare, ma mio padre si è assicurato che sapessi tutto di lui. Per la mia generazione è stato quello che tutti sanno.
Ma poi esiste Diego, la persona. E mi manca tanto. Mi dispiace non aver passato più tempo con lui. La sua famiglia, i suoi grandi amici, sono stati dei privilegiati ad aver passato tanto tempo con lui e averlo conosciuto bene. Aveva un cuore immenso. Io l’ho conosciuto abbastanza.
Quando vincevo non mi chiamava mai: troppo facile chiamare quando si vince. È nelle mie grandi sconfitte che ho sempre ricevuto una sua telefonata, mai dopo le vittorie, mai. Perché uno diverso come lui sa che è nei momenti difficili che c’è veramente bisogno di aiuto.
Mi mancherà tanto. Sono triste, ma sorrido. Perché è proprio così, sorridendo, che ho trascorso tutti i momenti con lui”.

[José Mourinho]

@romanzo_calcistico

Next Post

Cashback, si parte l’8 dicembre ma l’«app IO» ha qualche problema-

Nel giorno in cui arriva la conferma della data d’inizio del cashback di Natale – l’8 dicembre -, la app IO, indicato al momento come uno degli strumenti per ottenere il rimborso del 10% sulle spese fatte nei negozi fisici (ma anche per le spere relative all’idraulico o al medico, […]
AlbanianArabicBulgarianChinese (Simplified)DanishEnglishEsperantoFrenchGreekItalianJapaneseLatinPortugueseRussianSpanishTurkishUkrainian
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.