VIRUS TI BATTO. FORSE ………….


Read Time:3 Minute, 45 Second

 

Paolo Cannavaro è un ex calciatore italiano. Vive in Cina … e ha detto che in Cina quando arrivi in Aeroporto ci sono 4 controlli da superare tra medici che ti misurano la febbre, poliziotti e personale sanitario che ti fanno altre mille domande.
Paolo Cannavaro ha detto che in Cina DEVI utilizzare un’app tipo whatsapp in cui controllano tramite Gps se vai davvero a casa e se davvero ci resti per 14 giorni in Quarantena.
In Italia prima di andare in Quarantena passi a salutare a mammà, papà, gli amici più stretti e la signora del piano di sotto. Poi resti in Quarantena, tranne per fare la spesa, buttare la spazzatura, scendere il cane, fare i flashmob, comprare le sigarette o per fare jogging.

Paolo Cannavaro ha detto che in Cina il portiere del Condominio ti misura la febbre quando entri ed esci. Sempre. E la polizia ti fornisce un termometro, il disinfettante per le mani e le mascherine. E in ascensore cambiano la pellicola vicino ai tasti ogni 24 ore.
In Italia quando entri nel Condominio, dai un bacio al portiere perché lo conosci e sai che non ha il virus. Termometro, disinfettante e mascherine poi si vedrà, tanto mantieni la distanza di 1 metro. E in ascensore puoi premere il piano che vuoi, tanto il sabato viene la signora delle pulizie.

Paolo Cannavaro ha detto che in Cina il Governo ha obbligato tutte le fabbriche, anche a quelle che producono Automobili, a fare le mascherine. Stesso il Governo poi le distribuisce a farmacie, negozi e ospedali. Se un farmacista aggiunge 10 centesimi sul costo di vendita delle mascherine rispetto al prezzo imposto, viene arrestato, paga una multa e perde la licenza.
In Italia si ordinano le mascherine dalla Germania. Quelle pezzotte. Qualcuno le fa scomparire e le vende per arrotondare. In farmacia, chi le ha, le mette anche a 60 euro.

Paolo Cannavaro ha detto che in Cina durante la lotta al Coronavirus le autostrade erano gratis per evitare contatti con monete e macchinari. E chi è a casa riceve lo stipendio dallo Stato. Per i medici invece spese, mutui e fitti bloccati fino a dicembre 2020.

Paolo Cannavaro ha detto che in Cina sei costretto in Quarantena a misurare due volte al giorno la febbre e comunicare la temperatura sempre su quella famosa applicazione.
In Italia devi chiamare il 1500 ed aspettare che qualcuno ti risponde per dirti che non hai niente. Chiama il medico di base.

Paolo Cannavaro ha detto che in Cina durante il coprifuoco non puoi uscire. Non c’è bisogno della Polizia. Se trasgredisci ti trovano comunque con l’applicazione. E sei in galera.
In Italia puoi portare l’autocertificazione e dire quello che vuoi. Quelli che invece stanno in galera vogliono uscire per stare a casa durante la quarantena. E fuori ci stanno le mogli ad assediare i poliziotti.

Paolo Cannavaro ha detto che in Cina durante la Quarantena dopo i medici, sono diventati eroi i fattorini che, sempre tramite quella cazzo di applicazione, portano la spesa a casa a tutti.
In Italia durante la Quarantena sono i cittadini ad andare a fare la spesa. Toccando soldi, buste, confezioni, pacchi, superfici. Uno addosso all’altro.

Paolo Cannavaro ha detto che in Cina non c’era nessuno in strada. NESSUNO!
In Italia solo oggi ho beccato almeno 50 persone a cazzeggiare mentre ho fatto la spesa in 20 minuti.

Paolo Cannavaro ha detto che in Cina quella famosa applicazione ti dice per ogni indirizzo se e quanti positivi al Coronavirus ci sono, così se stai andando a trovare la zia in quel palazzo, non ci vai per non rischiare.
In Italia i positivi vengono dichiarati sui social. E se non sei famoso e qualcuno ti vede portare via dall’ambulanza, sui social iniziano a chiedere chi è, quanti anni aveva, da quanto tempo non lo vedevi ecc ecc.

Paolo Cannavaro ha detto che in Cina durante la Quarantena le persone impegnavano il tempo a parlare e giocare con i propri familiari.
In Italia ci sono i cantanti, i tenori dai balconi, i comici, gli attori teatrali, i truccatori, i poeti, chi canta l’inno, i flash mob, gli applausi alle 18, le luci accese alle 21, i collegamenti con Barbara D’Urso, le videochiamate a 4 su whatsapp, le dirette su Facebook, i challenge per la foto su quello che stai cucinando, la canzone neomelodica, i palleggi con la carta igienica ecc ecc …

In Cina ci hanno messo 58 giorni per battere il Coronavirus. Anzi stanno ancora combattendo.
In Italia … …………..

0 0
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleppy
Sleppy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %
AlbanianArabicBulgarianChinese (Simplified)DanishEnglishEsperantoFrenchGreekItalianJapaneseLatinPortugueseRussianSpanishTurkishUkrainian
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.