Reddito di cittadinanza, 40mila nuovi occupati


Read Time:1 Minute, 48 Second

A seguito della convocazione presso i Centri per l’Impiego e della sottoscrizione del patto, 39.760 percettori di Rdc hanno trovato lavoro. Determinante il contributo dei Navigator.

Parte con il piede giusto la fase 2 del Reddito di cittadinanza, destinata a far trovare un’occupazione lavorativa ai percettori. Secondo gli ultimi dati diffusi oggi dall’Anpal, l’Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro, e comunicati dalla nostra agenzia stampa Adnkronos, sono 39.760 le persone che hanno avuto un contratto di lavoro dopo aver seguito la procedura prevista.

C’è stato un balzo in avanti di circa 11mila nuovi occupati rispetto all’ultima rilevazione compiuta alla data 10 dicembre 2019 (+38,2%).

I Centri per l’Impiego hanno convocato 529.290 beneficiari su un totale di 908.198 che potrebbero stipulare un Patto per il lavoro. Alla prima convocazione si sono presentati in 396.297 e a seguito di ciò sono stati sottoscritti 262.738 Patti di servizio.

Anche i Navigator hanno contribuito, sottolinea l’Anpal, supportando gli operatori dei Centri per l’Impiego nella convocazione e accoglienza di 372.855 beneficiari del Reddito, di cui 125.641 nel mese di dicembre 2019; inoltre, hanno assistito gli operatori dei Cpi nella ”presa in carico” di 151.697 beneficiari, di cui 59.867 nel mese di dicembre.

Il presidente dell’Anpal, Mimmo Parisi, ha commentato così i nuovi dati, in un’intervista a La Stampa: “A oggi ci sono 1,2 milioni di famiglie che percepiscono il Reddito: di questi 908mila sono quelli che sono tenuti a recarsi ai Centri per l’impiego. Da settembre al 31 gennaio, 529mila sono stati convocati, 396mila si sono presentati, 262mila hanno sottoscritto il Patto per il lavoro. Hanno trovato lavoro al 10 febbraio 39mila persone. Non è uno scherzo, e i numeri stanno crescendo. Adesso incominceremo l’avvicinamento al mercato del lavoro. Dalla prima settimana di marzo i Navigator avvieranno un contatto diretto con le
imprese per raccogliere le offerte di lavoro e creare una banca dati per fare un matching intelligente in base a criteri oggettivi, entro fine anno vedremo i primi risultati di un’intermediazione più efficace”.

0 0
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleppy
Sleppy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Lascia un commento

AlbanianArabicBulgarianChinese (Simplified)DanishEnglishEsperantoFrenchGreekItalianJapaneseLatinPortugueseRussianSpanishTurkishUkrainian
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com