Ucraina: Caritas, cinquanta ‘Bucha’ in Polyssia

digrazia
Print Friendly, PDF & Email

May 05, 2022

(ANSA) – ZHYTOMIR, 05 MAG – Ci sono una cinquantina di villaggi in Polyssia, regione nell’Ucraina del Nord ai confini con la Bielorussia, che “hanno vissuto orrori come a Bucha”. Lo dice all’ANSA il direttore di Caritas Kiev-Zhytomyr, padre Vitalyi Uminskyi, nell’ambito dell’incontro con la fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre. Caritas Spes riferisce di torture, uccisione di civili, distruzioni e saccheggi. In uno dei villaggi, Maryanivka, sono morti cinque bambini che erano usciti dal rifugio della scuola che in quel momento è stata attaccata. I villaggi sono stati occupati dai russi per 47 giorni, ora liberati, ma solo in questi giorni sono stati raggiunti da Caritas, con grande difficoltà, perché quasi tutte le strade intorno sono minate. (ANSA).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

L’acqua è stata quotata in Borsa, non possiamo accettarlo

Nel 2020 l’acqua è stata quotata in borsa, ma le associazioni ambientaliste (e non solo) non ci stanno e scendono in piazza a protestare ©Shutterstock/Zwiebackesser Fino a poco tempo fa l’acqua era considerata da tutti un bene comune e universale, ma l’anno scorso – nel silenzio generale – è accaduto […]

Subscribe US Now

AlbanianArabicBasqueBelarusianBosnianBulgarianChinese (Simplified)CroatianCzechDanishEnglishEsperantoEstonianFilipinoFrenchGermanGreekItalianLuxembourgishRussianSerbianSlovenianSwedish