Pornografia

digrazia
Print Friendly, PDF & Email

Tutta l’umanità fa’ nella fica
e gode a ffà qualunqua purcaria;
ma chesta rrobba non si scrive mica,
se no si pecca di “pornografia”.

Invece è ipocrisia, falso pudore,
la finta ingenuità d’ ‘o tiempo antico.
Sti ccose se sò fatte a tutte ll’ore
c’o sposo, ‘o ‘nnammurato e cu l’amico.

S’è cammenato semp’e sta manera
– ‘o “sesso” è proprio ‘na necessità-
ma ‘a gente ch’è gnurante e strellazzera,
‘ncoccia ca nun va buono a s’ ‘o cuntà.

Nun date retta, chesta è ‘na buscia,
‘o munno è ‘n accuzzaglia ‘e falsità.
‘E chello ca se fa, parola mia,
è meglio se si dice ‘a verità.

È ‘nu sbaglio a chiammà pornografia
l’immagine dell’atto sessuale;
è confermato dalla biologia
ch’è un classico bisogno corporale.

E chi ‘se scandalizza è ‘nu fetente
ca s’avanta ch’è serio e che è pulito.
ma ‘o ffà pur’isso e quasi certamente
se ratta meglio ‘e ll’ate ogni prurito.

Io sò napulitano e me ne vanto,
e ‘a chesta lengua mia nun m’alluntano.
Me sazio a dì “te faccio ‘o mazzo tanto!”,
nun dico: ‘o pene, ‘a vulva e ‘o deretano.

Saccio scrivere buono ‘o ttaliano,
però me piglio gusto e me sullazzo
quanno dico nel mio napoletano:
“Nun parlà cchiù, ca m’he scassato ‘o cazzo!”.

Si scrivo fessa, gùallera, pùrchiacca,
‘o pesce, ‘e ppacche, ‘e zizze, che bellezza!
Nun ce refonno niente a dint’a sacca:
sò ‘e stesse cose e non è ‘na schifezza.

Cù st’organe è furmato ‘o corpo umano
e se ponno chiammà ‘e tanta manere:
‘e saccio tutte, ma in napoletano
‘e trovo culurite e chiù sincere.

E allora, chisti scrupole ‘e cuscienza
me pare ca putesseno abbastà.
In fondo, nun ‘ce serve n’arca ‘e scienza,
‘na vota bona, a ce ‘mparà a campà.

Se studiano int’è libbre anomalie
‘e tutte specie, sparze p”o Criato;
ma chi l’esalta e ne fa poesie
è ‘pornografo, strunzo e depravato.

‘E masuchiste, sadiche, ricchiune,
lesbiche, se ne trovano a mappate,
‘o maniaco in cerca d”e guagliune,
‘o necrofilo… tutte sò malate.

‘A natura te fà ‘na fessaria
ca s’appresenta brutta e sturzellàta.
E siente a me, nun è pornografia
si scrive: “M’aggio fatto ‘na chiavata”.

di Giovanni Boccacciari (Boccariccia)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

Il guanto

Me fanno ride’ mo’ ‘n televisione, Un professore ‘n mezzo a ‘na lezione, fa’ mette’ ‘n piedi tutti li studenti femmine e maschi, ‘nzomma, tutti quanti e tutto questo pe’ quale motivo? Vole sapé de chi è ‘n preservativo! E li ragazzi seri: e mio… e mio… Ma noi nun […]

Subscribe US Now

AlbanianArabicBasqueBelarusianBosnianBulgarianChinese (Simplified)CroatianCzechDanishEnglishEsperantoEstonianFilipinoFrenchGermanGreekItalianLuxembourgishRussianSerbianSlovenianSwedish