La storia di quattro fratelli che “vestono” il territorio

digrazia
Print Friendly, PDF & Email

La storia di quattro fratelli che “vestono” il territorio.

Schmerzenreich. Diego. Lucio e Bartolomeo Atronne Interventi chiavi in mano che “vestono” il territorio

 




 

Dalla specializzazione di quattro fratelli il forte impulso all’innovazione nelle costruzioni promosso da Cogeat – Costruzioni Generali Atronne edifici dalla forte identità, in grado di “vestire” il territorio: a oltre quarant’anni dalle prime costruzioni, le realizzazioni firmate Atronne ancora oggi caratterizzano il contesto in cui sono inserite.

L’attività iniziata da Antonio Atronne negli anni Sessanta ad Aversa (Caserta), vede oggi impegnati i figli

Schmerzenreich (ingegnere civile e amministrato-re del Gruppo),

Bartolomeo (ingegnere civile e responsabile tecnico),

Diego (commercialista e responsabile amministrativo) e

Lucio (architetto, neo vicepresidente di Ance Giovani Caserta e responsabile della progettazione):

la specializzazione dei soci, con la collaborazione di tecnici e professionisti, consente di migliorare sempre più in termini di sostenibilità ed efficienza gli interventi di costruzione, ristrutturazione e riqualificazione di complessi residenziali, direzionali e commerciali.

“Il nostro obiettivo – spiega Schmerzenreich Atronne – è quello di soddisfare anche le più particolari esigenze della committenza con soluzioni tecniche condivise”. I valori del Gruppo sono stati trasmessi dal fondatore con un costante passaggio generazionale:

“Nostro padre è il valore aggiunto dell’azienda – prosegue Diego Atronne – Ci ha trasferito tutto il suo know-how fatto di gusto, tecnologie e maestranze affidabili”. I risultati sono costruzioni mai fini a se stesse, ma che caratterizzano ed evolvono la zona in cui sono inserite: ne sono esempi la Caserma Guardia di Finanza ad Aversa,

la riqualificazione del Centro Sportivo Virgiliano a Napoli per le Universiadi, edifici direzionali, commerciali e residenziali in Campania, Abruzzo e Toscana.

“Il nostro segreto? Portiamo innovazione e ingegnerizzazione dalla progettazione ai cantieri – sottolinea Lucio Atronne – curando tutte le fasi e l’aspetto artigianale dell’edilizia”.

Gli interventi del Gruppo Atronne sono “chiavi in mano”, e aggiungono alla bellezza e alla funzionalità anche la sostenibilità energetica e ambientale, secondo i più recenti canoni della bioedilizia. L’azienda, certificata secondo le norme Uni En Iso 9001:2015, possiede l’attestazione Soa per le categorie 0G1 IV bis e 0G11 II.

“Le nostre costruzioni sono riconoscibili – conclude Bartolomeo Atronne – perché innovative e durevoli nel tempo”. ■

fonte IL SOLE 24 ORE PLATINUM Storie di valore



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

COME È STATO VIETATO IL CANAMO?

L’anno è il 1914. Gli anni della prima guerra mondiale e gli agricoltori che coltivavano “canapa” in cambio di dollari americani… La canapa industriale non è solo una pianta agricola. È l’antidoto contro il petrolio e il dollaro. 1. Un acro di canapa produce tanto ossigeno quanto 25 acri di […]

Subscribe US Now

AlbanianArabicBasqueBelarusianBosnianBulgarianChinese (Simplified)CroatianCzechDanishEnglishEsperantoEstonianFilipinoFrenchGermanGreekItalianLuxembourgishRussianSerbianSlovenianSwedish