Siria: Ong, almeno 23 morti in raid aerei israeliani

Luigi Di Grazia
Print Friendly, PDF & Email

(ANSA) – BEIRUT, 13 GEN – Almeno 23 persone sono rimaste uccise la scorsa notte in raid aerei israeliani contro posizioni e depositi di armi e munizioni nell’est della Siria, secondo quanto denuncia stamani l’Osservatorio siriano per i diritti umani (Ondus). “La seconda ondata di raid israeliani quest’anno ha ucciso 23 persone”, scrive l’ong. L’ultimo raid era stato compiuto il 7 gennaio.

Secondo l’Ondus, i raid della scorsa notte sono stati almeno 10 e hanno colpito tre diverse aree dove sono concentrate forze iraniane e filo-iraniane al confine siriano con l’Iraq. Le fonti locali affermano che sono stati colpiti postazioni e depositi di armi del Battaglione Fatimida, milizia filo-iraniana composta da combattenti afgani, degli Hezbollah libanesi e di gruppi armati iracheni che operano sotto l’ombrello dei Pasdaran iraniani. Le località colpite sono la periferia della città di Dayr az Zor, Albukamal e la periferia di Mayadin, tre città lungo la bassa valle del fiume Eufrate. Già ieri si erano registrati attacchi di non meglio precisate aviazioni militari contro postazioni filo-iraniane al confine tra Siria e Iraq. (ANSA).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Golfo: l'Oman ha per la prima volta un principe ereditario

ANSA.itJanuary 13, 2021 (ANSA) – BEIRUT, 13 GEN – Dhi Yazan, figlio maggiore del sultano Haytham dell’Oman, è stato nelle ultime ore nominato principe ereditario in forza di una nuova legge dello Stato che prevede il trasferimento del potere “dal sultano al figlio maggiore”. Lo riferiscono media locali di Mascate […]
AlbanianArabicChinese (Simplified)DutchEnglishEsperantoFrenchGermanItalianJapaneseMaoriPortugueseRomanianRussianSpanishSwedishUkrainian