Parigi, è scomparsa la studentessa modello del Senegal Diary Sow: la polizia indaga

Luigi Di Grazia
Print Friendly, PDF & Email

Diary Sow è scomparsa ormai da quasi due settimane e la polizia francese, le autorità di Dakar e i compagni di scuola parigini la stanno cercando. La studentessa modello senegalese era in Francia grazie a una borsa di studio ed è scomparsa dal 4 gennaio, giorno di ritorno dalle vacanze di Natale. La ragazza di circa 20 anni è nata a Mbour, sulla costa del Senegal a circa 80 chilometri a Sud della capitale Dakar. Nel paese era diventata una celebrità grazie agli ottimi risultati scolastici e ai concorsi vinti grazie ai suoi voti: Miss Scienze nel 2017 e Migliore Studentessa del Senegal nel 2018 e 2019. Il titolo viene attribuito dal presidente della Repubblica Macky Sall in diretta tv ed è solitamente assegnato ai ragazzi in età scolare.

La ragazza non è stata più vista dai primi giorni di gennaio, dopo aver trascorso qualche giorno a Tolosa. Si pensa però che sia tornata a Parigi prima di sparire, perché il suo badge è stato passato il 4 gennaio nella residenza universitaria del XIII arrondissement dove alloggia. Il badge è l’ultima traccia lasciata dalla ragazza. Il presidente senegalese Macky Sall ha chiesto grandi sforzi alle autorità francesi per ritrovare la giovane studentessa mentre nella giornata di domenica 10 gennaio 2021 oltre 100 studenti senegalesi si sono organizzati per distribuire volantini ai passanti nei pressi del liceo Louis-Le-Grand e della residenza universitaria nella quale la ragazza alloggiava. I servizi dell’ambasciata hanno contattato tutti gli ospedali nella speranza di avere notizie, ma non hanno ottenuto successo. In Senegal il sindacato degli insegnanti ha chiesto al governo di tenere informata la popolazione sempre però nel rispetto delle necessità di riservatezza per non intralciare le ricerche. Su Instagram sono inoltre nate diversi account per coordinare le ricerche della giovane senegalese e raccogliere le domande degli utenti che la stanno cercando. Anche Facebook si dà da fare grazie all’aiuto di gruppi e post dedicati alle segnalazioni di qualsiasi tipo su Diary. Neanche lì, però, vi sono sostanziali novità

La storia di Diary

Diary è nata in una famiglia modesta e non particolarmente istruita, ma è diventata testimonial ufficiosa della campagna dello Stato senegalese per promuovere l’educazione delle giovani donne. Nell’agosto del 2020 Diary ha anche pubblicato il suo primo romanzo “Sotto il viso di un angelo” edito per la casa editrice Harmattan. A Parigi frequenta la classe preparatoria di fisica e chimica del Louis-le-Grand, uno dei migliori licei di Francia per i concorsi all’École Normale o al Polytechnique.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Covid: Germania, Wieler (Rki), a fine anno la normalità

ANSA.itJanuary 14, 2021 (ANSA) – BERLINO, 14 GEN – “Alla fine di questo anno avremo raggiunto la normalità”, ma adesso si deve continuare a fare ogni sforzo per ridurre i contatti. Lo ha detto il presidente del Robert Koch Institut, Lothar Wieler, in conferenza stampa a Berlino. “Ogni singola infezione […]
AlbanianArabicChinese (Simplified)DutchEnglishEsperantoFrenchGermanItalianJapaneseMaoriPortugueseRomanianRussianSpanishSwedishUkrainian