Gb: deputata non può sedere ai Comuni con bebè, è polemica

digrazia
Print Friendly, PDF & Email

(ANSA) – LONDRA, 24 NOV – E’ polemica tra la deputata laburista Stella Creasy, che più volte si è seduta nel suo seggio alla Camera dei Comuni coi suoi figli piccoli per manifestare in difesa dei diritti delle madri lavoratrici, e le autorità del Parlamento di Westminster che le hanno chiesto, in base alle regole vigenti, di non rifarlo.

Creasy, il cui ultimo nato ha tre mesi e deve essere allattato, ha condannato la decisione affermando che “le madri nella madre di tutti i Parlamenti non devono essere viste o sentite, a quanto pare”. La parlamentare di Walthamstow ha ricevuto un’e-mail che le ricordava di non prendere posto in aula “se accompagnata da un bambino”. Di recente era intervenuta ai Comuni col suo bebè in braccio ricordando ai colleghi quanto sia difficile per una madre presenziare alle sedute e aveva avviato un botta e risposta col conservatore Jacob Rees-Mogg, Leader of the House nella camera bassa di Westminster, nonche’ padre di sei figli. La deputata rivendica diritti e tutele garantiti nel Regno Unito a tutti i dipendenti, in particolare per quanto riguarda il ritorno al lavoro delle neo-madri.

(ANSA).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

La camminata della gratitudine è un modo efficace per allenare il pensiero positivo e migliorare la propria percezione delle cose

  La camminata della gratitudine, Gratitude Walk è un’attività che si dice sia stata ideata da Tony Robbins, per promuovere una mentalità positiva e aiutare a manifestare gli obiettivi che si stanno raggiungendo. Se hai sentito parlare della legge di attrazione, potresti sapere che puoi attirare esperienze positive o negative semplicemente con i tuoi pensieri.  […]

Subscribe US Now

AlbanianArabicBasqueBelarusianBosnianBulgarianChinese (Simplified)CroatianCzechDanishEnglishEsperantoEstonianFilipinoFrenchGermanGreekItalianLuxembourgishRussianSerbianSlovenianSwedish