Caught In The Act: ONG trattano in traffico di migranti

Views: 0

Software di Ship-tracking e sui resoconti dei giornalisti dimostrano che le ONG, la Guardia Costiera e contrabbandieri italiani coordinare le loro azioni. Il sistema di identificazione automatica (AIS) espone le ONG che operano nelle acque territoriali libiche. Dal momento che la cacciata del presidente Gheddafi, un numero crescente di africani sono contrabbandata in Europa. Viaggiano via Libia da dove attraversano il Mediterraneo. Diverse organizzazioni “umanitarie” o le ONG coinvolte sono una parte indispensabile del percorso smuggle verso l’Europa. Abbiamo notato che la guardia costiera italiana, le ONG e gli abitanti coordinare le loro azioni. Qualunque sia la chiamano loro, queste operazioni non possono essere classificati come operazioni di soccorso genuini.

Gli olandesi, Ong maltese e tedesco in base fanno parte della rete di contrabbando umano e ci si chiede, sono queste ONG stesse organizzazioni criminali.

Qualunque sia i motivi di queste ONG, il loro comportamento è illegale, e in paesi governati da una costituzione, vale a dire gli Stati europei, la criminalità dovrebbero essere perseguiti a prescindere dalla volontà dei suoi autori.

Abbiamo seguito i movimenti del Golfo Azzurro, il 12 ottobre. Abbiamo usato i segnali AIS Marine Traffic, Twitter e vivere le relazioni di un giornalista olandese a bordo del Golfo Azzurro.

La sera del 12 ottobre alle ore 21:15, 113 persone sono state raccolte 8,5 miglia nautiche al largo della Libia Mellitah Complex, da quattro navi delle ONG; la Fenice, l’Astral, l’Iuventa e il Golfo Azzurro. In quel momento questi quattro navi erano all’interno delle acque territoriali della Libia.
Durante questo trasporto, 17 persone sono state segnalate mancante, tra cui un bambino di tre anni.

Mercoledì 12 ottobre alle otto del mattino, la guardia costiera italiana ha informato il Golfo Azzurro sull’operazione venuta “salvataggio”, da 10 a 12 ore di anticipo; hanno diretto il Golfo Azzurro in una posizione all’interno delle acque territoriali libiche. Eveline Rethmeier, un giornalista olandese, era a bordo del Golfo Azzurro. Al 20:23 (ora UTC 18:23) ha pubblicato un video erano ‘Capo della Missione’ Mateo ha detto l’equipaggio qualcosa stava arrivando. Nel suo blog ha scritto: “Alle otto del mattino abbiamo ottenuto i messaggi che v’è una nave con problemi di 30 miglia nautiche di distanza da noi. La guardia costiera italiana ha chiesto l’assistenza nella zona. Siamo stati informati dal ‘Capo della Missione’ Mateo. Ci ha detto che dobbiamo essere preparati per gli ospiti “. 1)

La guardia costiera italiana non solo ha diretto il Golfo Azzurro alle acque territoriali libiche, ma anche la fenice, l’astrale e l’Iuventa. Secondo il Malta Today: “Erano circa le 7 di sera (12 ottobre), quando il Maritime Rescue Coordination Center di Roma ha contattato Phoenix. Eppure, era solo al 21:20 che il gommone è stato avvistato da – avvalendosi della Schiebel droni a bordo della Phoenix. In collaborazione con le altre ONG di ricerca e salvataggio della zona, un’operazione di salvataggio è stato rapidamente lanciato “. 2) Il Golfo Azzurro è stato detto a 8:00 che c’era una nave con problemi durante la Fenice è stato contattato da 10 a 11 ore dopo !
https://gefira.org/wp-content/uploads/2016/11/12-Oktober.jpg
12 ottobre

Durante la settimana che abbiamo monitorato la zona, quattro rimorchiatori italiani, tra i quali il Megrez, erano di stanza presso il Complesso di Mellitah, ed erano al minimo la maggior parte del tempo.

Mentre il Golfo Azzurro ha iniziato il suo viaggio di 30 miglia per assistere la barca da 6 a 9 miglia nautiche al largo di Mellitah, ci sono voluti 10 ore prima della Megrez, uno dei quattro rimorchiatori, ha lasciato il porto di Mellitah (20:00) nella direzione del punto di “salvataggio”.

Il Megrez navigato 6 miglia nautiche in mare aperto, 2 miglia nautiche dal punto di salvataggio. Intorno 20:40 ha raggiunto il suo punto finale e senza fermarsi si girò e tornò a Mellitah, dove è arrivato al 21:17. L’intero viaggio compreso il tempo, la data e la velocità viene registrata dai diversi AIS monitoraggio siti web.

Il Megrez, un rimorchiatore di diritto italiano, ha navigato in linea retta su e giù senza fermarsi e senza che partecipano all’operazione “salvataggio”. Sembra che il Megrez appena lasciato qualcosa in mare aperto e subito tornato a casa. Quaranta minuti più tardi, dopo la Megrez si voltò, perfettamente a tempo, la Fenice avvistato una barca con i migranti.

8,5 miglia nautiche al largo di Mellitah, all’interno delle acque territoriali libiche, le quattro navi, appartenenti a ONG europee, hanno iniziato la loro missione di “salvataggio” e raccolto 113 persone. Il porto sicuro più vicino è Zarzis in Tunisia, circa 65 miglia nautiche a ovest dal punto di “salvataggio”. Questa porta è spesso visitato da navi che operano per queste ONG. Invece di portare i migranti di Zarzis, la Fenice ha portato gli immigrati 275 miglia nautiche a nord verso l’Italia. Naturalmente, i 113 passeggeri pagati 1000-1500 euro per essere spediti in Europa e non per essere trasportato a Tunisi.
https://gefira.org/wp-content/uploads/2016/11/Libya.jpg
map1

Sulla base della nostra osservazione, si è scoperto che le autorità italiane sapevano in anticipo che ci sarebbe stata un’operazione di “salvataggio” quella notte.

Hanno contattato il Golfo Azzurro in anticipo come la nave era più di 30 miglia nautiche al largo della costa libica. Il capitano sapeva che era in programma per raccogliere i migranti, anche se non c’era ancora un segnale di soccorso. In quel momento i migranti sono stati probabilmente ancora in Libia. Alle 19:00 il Phoenix è stato avvertito dalla guardia costiera e diretto al punto di pick-up. Alle 20:00 il Megrez lasciato la Libia. 2 miglia nautiche dal punto di pick-up, alle ore 20.40 si voltò. Quaranta minuti dopo la Fenice avvistato il gommone. L’intera operazione era perfettamente programmato. 3)
Sequenza temporale
https://gefira.org/wp-content/uploads/2016/11/TimeLine-766×1024.jpg
Sembra che il “salvataggio” è una parte di un’operazione di traffico di esseri umani pericolosi ben organizzato. Il fatto che 17 persone sono scomparse non rende questa una missione di soccorso. Gli organizzatori e coloro che sono coinvolti sono interamente responsabili per la sicurezza dei loro passeggeri e dovrebbero essere ritenuti responsabili.

NGOs are smuggling immigrants into Europe on an industrial scale

0
fb-share-icon1860
Tweet 5k

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook2k
585
X (Twitter)5k
Visit Us
Follow Me