Brucia una fabbrica di polvere da sparo in Russia: sette morti e decine di dispersi

digrazia
Print Friendly, PDF & Email

22 Ottobre 202109:48

Brucia una fabbrica di polvere da sparo in Russia: sette morti e decine di dispersi

Una fabbrica di polvere da sparo a poche centinaia di km da Mosca ha preso fuoco questa mattina a causa di un errore nel processo di produzione di un laboratorio. Sono almeno sette i morti, 16 i feriti e una decina i dispersi. Il ministro per le emergenze ha detto che la popolazione vicina è fuori pericolo.

Un terribile incendio è avvenuto questa mattina in una fabbrica di esplosivi a 200 km da Mosca. Sono almeno sette i morti, sedici i feriti e una decina i dispersi. Il bilancio delle vittime è destinato ad aumentare nel corso della giornata.

Esplosioni fortissime e un rumore assordante ripetuto più volte. Una fabbrica che si occupa di produrre materiale esplosivo è andata fuoco. È accaduto questa mattina intorno alle 8.20, nella città di Ryazan, a un paio di centinaia di km dalla capitale russa. Attualmente i morti sono almeno sette, tutti dipendenti della fabbrica. Altri 16 sono rimasti feriti nelle fiamme e i dispersi una decina. I testimoni hanno raccontato che appena prima del divampare dell’incendio, ci sono state diverse esplosioni, tutte fortissime, poi uno dei laboratori di polvere da sparo della “Elastic”, delle dimensioni di 160 metri quadrati, ha preso fuoco. Oltre alle vittime, che nel corso della giornata potrebbero aumentare, altri 12 dipendenti sono stati evacuati dalla struttura. Sul posto sono intervenute due squadre di operatori sanitari con le ambulanze, i vigili del fuoco e la polizia.

L’incendio potrebbe essere stato causato da una violazione del processo produttivo durante la realizzazione degli esplosivi. Una delle operazioni che permettono la produzione del prodotto finito è andata storta. Sono in corso le indagini delle forze dell’ordine per stabilire l’esatta dinamica dell’incidente. La commissione investigativa ha ordinato un sopralluogo tecnico sul posto. Fortunatamente “Non c’è alcun pericolo per la popolazione vicina che le fiamme si estendano”, ha tranquillizzato il ministro per le emergenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Covid: in Cina città di Lanzhou in lockdown

ANSA.itOctober 26, 2021 (ANSA) – PECHINO, 26 OTT – La Cina ha messo in lockdown la città di Lanzhou, il capoluogo da 4 milioni di abitanti del Gansu, nel tentativo di bloccare un focolaio domestico di Covid-19, vietando ai residenti di uscire di casa se non in caso di emergenza. […]

Subscribe US Now

AlbanianArabicBasqueBelarusianBosnianBulgarianChinese (Simplified)CroatianCzechDanishEnglishEsperantoEstonianFilipinoFrenchGermanGreekItalianLuxembourgishRussianSerbianSlovenianSwedish