Povero Giletti

 

Come prevedevo, e per questo non ci sono andato, Massimo Giletti ha risposto all’accusa che gli ho fatto di aiutare la mafia (qui il video) infilandomi in un processo sommario in tv con cui ha ingannato gli ascoltatori, perché l’argomento centrale della trasmissione precedente e l’accusa che gli ho fatto era e RESTA chiaramente riferita alle sue continue trasmissioni sul caso Di Matteo-Bonafede, divisive delle istituzioni e quindi utili a chi combatte lo Stato. Così sul banco degli imputati ha messo me, rappresentando quasi come inconfessabili e occulti i miei rapporti con Buzzi e Alemanno, e dimostrando in tal modo che – come gli ho già detto – io e lui siamo di ben altra pasta, altro che colleghi!

https://www.lanotiziagiornale.it/editoriale/povero-giletti/